Intervista

La triatleta Christina Wilfinger

La triatleta Christina Wilfinger parla delle migliori prestazioni personali

Buongiorno Christina, come sei arrivata al Triathlon?

Tre anni fa mi sono fatta male correndo. Il nuoto e la bicicletta mi sono sembrate valide alternative durante la convalescenza. Stare senza fare niente proprio non fa per me. In quel periodo il padre di una mia amica era un sostenitore della gara per Ironman e mi ha fatto balenare l’idea di provarci io stessa.

Sei sempre stata un tipo sportivo?

Sì, mi piace spremermi fino all’ultimo. Da un anno pratico anche il crossfit. Lo sport di potenza è il completamento perfetto degli sport di resistenza, oltre che un buon punto di bilanciamento rispetto al mio lavoro.

Come contrasti le tue debolezze?

Io amo lo sport, però andare in piscina quando fa freddo o in bicicletta o a correre sotto la pioggia richiede un po’ di sforzi. Mi piace allenarmi in gruppo, è stimolante. Mi sforzo di più quando mi trovo in una situazione di semi-competizione con altri.

A smettere non ci ho ancora pensato.

Come ti poni i tuoi obiettivi?

Assieme al mio allenatore. Ci diamo un obiettivo di allenamento e poi lavoro per raggiungerlo. Mi stimola vedere che, così facendo, si progredisce sempre.

Com’è la tua alimentazione?

Da 17 anni sono vegetariana. Nei 3 mesi che precedono una gara importante smetto di assumere zucchero industriale e frumento. Nella vita normale amo la cucina italiana. Mangio per esempio spaghetti con sugo di pomodoro e verdure. La cosa bella è che, quando ci si allena tanto come faccio io, si può anche mangiare molto di più.

3 prodotti. Grande efficacia.
Segue la sua grande passione e si sente piena di vita.

La tua esperienza con RINGANA?

La cura naturale è perfettamente in linea con la mia filosofia. Nell’ultimo mezzo Ironman per la prima volta ho testato i prodotti RINGANA SPORT. Mi hanno convinto non solo l’efficacia, ma anche il gusto naturale. Al termine dell’allenamento, amo bermi un PACK energy.

Qual è il tuo credo?

Se vuoi veramente qualcosa, ce la farai ad averla. Nelle gare che ho fatto sarei arrivata al traguardo anche a carponi, mai darsi per vinti. Mi piace espandere i confini e mi dà la motivazione per fare sempre qualcosa di nuovo.

 

Torna su